Home » Visitare il Parco » I tesori del Parco » Gastronomia

Itinerario del gusto nelle Terre della Baronia

Lo zafferano, coltivato nella vicina Piana di Navelli condisce le salse degli gnocchi e dei ravioli, rigorosamente fatti a mano. Le mandorle abbondano nei dolci, tra i quali va assaggiato il Pasticcio degli dei, bagnato con liquore allo zafferano.
Famosa è la zuppa di Lenticchie di Santo Stefano di Sessanio, uno dei più apprezzati Presidi Slow Food, analogamente al Canestrato di Castel del Monte, il pecorino della Transumanza. A Castelvecchio Calvisio, una rinomata sagra offre in degustazione la cicerchia, che nel distretto viene coltivata insieme a molte altre antiche specie, come la Patata turchesa. E' ancora, tra le produzioni più insolite, il Marcetto, formaggio piccante, di colore giallo oro, ottenuto dallo sviluppo al suo interno delle larve di mosca casearia, il quale, dopo l'asportazione dei vermi, viene riposto in barattoli di vetro per essere spalmato.

Altre info su: Distretto Terre della Baronia

 

Zafferano
Zafferano
(foto di M. Anselmi)
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo