Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco

Il Sostegno ai presidi Slow Food

Progetto Presidi

A partire dal 2001 l'Ente Parco ha deciso di sostenere 4 Presìdi, degli attuali 193 Presìdi italiani.

Ma cosa sono i Presìdi?

  • Sono esempi concreti e virtuosi di un nuovo modello di agricoltura, basata sulla qualità, sul recupero dei saperi e delle tecniche produttive tradizionali, sul rispetto delle stagioni, sul benessere animale.
  • Salvano prodotti buoni, ovvero di alta qualità e radicati nella cultura del territorio; prodotti puliti, ovvero ottenuti che tecniche sostenibili e nel rispetto del territorio; prodotti giusti, ovvero realizzati in condizioni di lavoro rispettose delle persone, dei loro diritti, della loro cultura, e che garantiscono una remunerazione dignitosa.
  • Rafforzano le economie locali e favoriscono la costituzione di un'alleanza forte tra chi produce e chi consuma. I loro prodotti riportano in etichetta o sulle confezioni il contrassegno "Presidio Slow Food", che li identifica e garantisce che i produttori hanno sottoscritto un disciplinare di produzione improntato al rispetto della tradizione e della sostenibilità ambientale.

I produttori sono riuniti in associazioni che assicurano il rispetto delle regole esercitando un severo controllo sui propri associati.

Sono il risultato di un lavoro di dieci anni che ha affermato con forza valori fondamentali: la tutela della biodiversità, dei saperi produttivi tradizionali e dei territori, che oggi si uniscono all'impegno a stimolare nei produttori l'adozione di pratiche produttive sostenibili, pulite, e a sviluppare anche un approccio etico (giusto) al mercato.

In concreto i Presìdi Slow Food:

  • hanno effettivamente contribuito a salvare numerose razze animali, specie vegetali, formaggi, pani e salumi che rischiavano l'estinzione;
  • hanno aiutato centinaia di produttori affinché potessero proseguire la propria attività, favorendo il contatto tra consumatori interessati alla qualità e disponibili a pagare un prezzo equo e remunerativo;
  • hanno materialmente contribuito a dimostrare che un'altra agricoltura e un'altra produzione alimentare sono possibili;
  • sono un punto di riferimento per molti piccoli produttori e per molte comunità del cibo di tutto il mondo (anche al di fuori del "circuito Slow Food")
  • sono un modello anche per altri piccoli produttori con i quali oggi Slow Food lavora e collabora per impostare progetti legati non più solo all'eccellenza qualitativa, ma anche alla produzione per il consumo quotidiano;
  • sono un bacino molto importante di saperi e esperienze, che i Presìdi mettono a disposizione di altri produttori tramite scambi e collaborazioni, costituendo pertanto alcuni dei nodi fondamentali della grande rete Slow Food.

I Presìdi sostenuti dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga sono:


(foto di Archivio Ente Parco)
Mortadella di Campotosto
Mortadella di Campotosto
(foto di PN Gran Sasso)
Pecorino Canestrato di Castel del Monte
Pecorino Canestrato di Castel del Monte
(foto di PN Gran Sasso)
Lenticchia di Santo Stefano di Sessanio
Lenticchia di Santo Stefano di Sessanio
(foto di PN Gran Sasso)
Patata turchesa
Patata turchesa
(foto di PN Gran Sasso)
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo