Home » Visitare il Parco » I tesori del Parco » Uomini

La Transumanza

Anche se i tempi in cui il poeta Gabriele D'Annunzio osservava immense greggi dirigersi verso i miti pascoli pugliesi alla prima comparsa del freddo autunnale sembrano ormai lontani, nella memoria dei luoghi e degli abitanti di questa parte di Abruzzo montano, la pastorizia, la dura vita degli stazzi e la produzione di formaggio pecorino da conservare con cura perché unico sostentamento nel viaggio verso terre lontane, rimangono elementi inprescindibili della storia e della tradizione di questi luoghi.
Castel del Monte e gli altri Comuni aderenti al Consorzio di tutela e valorizzazione del Canestrato di Castel del Monte rappresentano il principale centro del fenomeno della trasumanza.
L'allevamento transumante tra queste montagne e i pascoli invernali del Tavoliere delle Puglie, attraverso una fitta rete di tratturi, è ben documentato già in epoca romana e finanche nei periodi precedenti. L'epoca d'oro di questa attività si ebbe, però, tra il XVI e XVII secolo quando, le pecore che dell'Abruzzo scendevano in Puglia, raggiunsero il numero di oltre 4 milioni di capi.
Quasi tutti gli uomini di questi paesi, d'inverno, seguivano le greggi nel Mezzogiorno nelle migrazioni stagionali e rimanevano lontano da casa per quasi otto mesi all'anno.
Anche se oggi la transumanza verso luoghi lontani ha ceduto inevitabilmente il passo alla modernità e ai mezzi di trasporto meno romantici, questa si è trasformata in "verticale", ossia lo spostamento delle greggi avviene dalle aree poste alle quote basse agli altipiani montani nel periodo primaverile-estivo. Lo straordinario valore espresso dalla transumanza in termini storico-archeologici, antropologici, sociali e culturali ma anche gastronomici, è il motivo per cui il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga ha promosso l'istituzione, non solo del consorzio che unisce gli ultimi allevatori e trasformatori, ma ha in fase di ultimazione, nei pressi di Castel del Monte, la realizzazione del Museo della Transumanza, che rappresenterà la memoria di un passato, tornato attuale per offrire nuovamente concrete opportunità di sviluppo alle aree montane e svantaggiate.
Pecore
Pecore
(foto di Archivio Ente Parco)
Pecore
Pecore
(foto di M. Anselmi)
cane da Pastore Abruzzese
cane da Pastore Abruzzese
(foto di M. Anselmi)
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo