Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » I Prodotti

Patata turchesa

La Storia
Nel Parco Nazionale del Gran Sasso è stata riscoperta e recuperata un'antica varietà detta turchesa per la sua caratteristica colorazione della buccia, ricordata da molti anziani ma praticamente scomparsa dalle loro tavole. Il progetto ha previsto la reintroduzione e lo studio di questa varietà partendo dai pochissimi tuberi ritrovati nella originaria zona di produzione - Isola del Gran Sasso (TE) e San Pietro di Crognaleto - ma anche in altri Comuni e ad altre quote per valutarne il comportamento e le caratteristiche agronomiche e sensoriali, allo scopo di limitare il rischio di totale estinzione.

Area di attuale produzione nel Parco: Attualmente il progetto ha visto la creazione di una rete di coltivatori ubicati in gran parte dell'area del Parco: in provincia dell'Aquila, Assergi, Barisciano, Santo Stefano di Sessanio, Castelvecchio Calvisio, Castel del Monte, Campotosto; in provincia di Teramo, Isola del Gran Sasso, Arsita, Valle Castellana, Campli; in provincia di Pescara, Farindola, Villa Celiera; in provincia di Rieti: Accumoli e Amatrice

Descrizione
Le caratteristiche della patata sono riconducibili alla combinazione delle condizioni ambientali unite alla specificità del genotipo. Si presenta con occhiatura profonda tipica delle archeofite. Il tubero si caratterizza principalmente per la buccia di un colore viola intenso contenente una interessante quantità di sostanze antiossidanti, paragonabili a quelle del cavolo e per la pasta bianca. Le caratteristiche chimiche e nutrizionali della patata turchesa evidenziano spiccate proprietà antiossidanti da attribuire soprattutto ad alcune sostanze presenti nella buccia. Secondo quanto espresso dalle prime analisi qualitativo-sensoriali effettuate in laboratorio, la patata turchesa presenta, inoltre, un elevato contenuto di sostanza secca, consistenza e granulosità media che la rendono adatta a diversi usi e cotture.

Stagionalità del prodotto: La coltura viene seminata a maggio e raccolta a ottobre.

La patata Turchesa nel 2011 è stata inserita nell'elenco del Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Regione Lazio e Abruzzo.


Patata turchesa
Patata turchesa
(foto di PN Gran Sasso)
 
Patata turchesa
Patata turchesa
(foto di PN Gran Sasso)
 
Patata turchesa
Patata turchesa
(foto di PN Gran Sasso)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo