Home » Territorio e Natura » I Distretti

Distretto Alte Vette

Regione: Abruzzo
Provincia: L'Aquila
Comuni: L'Aquila


Natura e paesaggio

Salendo di quota verso il Gran Sasso, il distretto introduce nel cuore selvaggio del Parco. Rupi, precipizi, valli glaciali, antiche morene si alternano in un ambiente unico, cui fa da sfondo Campo Imperatore. L'altipiano, il più esteso del continente, «potrebbe benissimo essere Tibet», così scriveva il naturalista Fosco Maraini, visitandolo negli anni Trenta. Al disciogliersi delle nevi la piana si tinge di viola con una fioritura di crochi da mozzare il fiato. Agli escursionisti più avventurosi non mancherà l'emozione di osservare un giardino roccioso naturale, dove i miti della flora d'alta quota fanno bella mostra di sé: i cuscinetti fioriti di Silene acaule, la Stella alpina dell'Appennino, l'Adonide distorta, l'Androsace di Matilde, il rarissimo Genepì appenninico. Su queste montagne si concentra, infatti, la flora che con le glaciazioni è scesa dalle zone artiche e qui è rimasta rifugiata al ritiro dei ghiacci. Anche la fauna dischiude presenze preziose e rarissime, come la Vipera dell'Orsini ed il Camoscio Appenninico. Numerosa l'avifauna, che conta gracchi e codirossoni. Significativa la presenza del Fringuello alpino che, con 550 esemplari stimati, continua ad avere nell'area protetta il più consistente nucleo riproduttivo.


Valori del distretto

Ci troviamo nel territorio montano della nobile e bella città dell'Aquila. Abbarbicati ai fianchi delle montagne, si svelano gli antichi villaggi costruiti con la dura pietra calcarea, ricchi di storia e d'opere d'arte come Assergi e Camarda, che svelano importanti testimonianze, tra le quali la bella Chiesa di Santa Maria Assunta, con la cripta in cui sono conservate le spoglie di San Franco. Nel piccolo borgo di San Pietro della Ienca, nel suggestivo scenario della Valle del Vasto, è visitabile la "Chiesetta del Papa" con la stele dedicata, che ospita il primo Santuario del Beato Giovanni Paolo II.


Strutture presenti

Il Distretto ospita ad Assergi, nel trecentesco ex convento francescano, il Polo Amministrativo dell'Ente Parco. Nei locali ipogei si trova l'Antiquarium, che contiene importanti reperti provenienti dalla Grotta a Male e dagli scavi archeologici di Camarda e Bazzano. Collegato all'Antiquarium è un Punto Informativo e vendita del Parco.
Nella frazione di Fonte Cerreto ha sede il Coordinamento Territoriale per l'Ambiente del Corpo Forestale dello Stato e lo Show Room dei Prodotti Tipici. Nel distretto, inoltre, è collocata la Stazione Ornitologica di Campo Imperatore, nata nel 2003 e gestita dal Corpo Forestale dello Stato - Ufficio Territoriale per la Biodiversità, che svolge importanti azioni di controllo e censimento dell'avifauna d'alta quota. Un'altra prestigiosa presenza del distretto è quella dei laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Itinerario n° 50
Difficoltà: T - Turistico
Itinerario n° 51
Difficoltà: E - Escursionistico
Itinerario n° 46
Difficoltà: T - Turistico
Itinerario n° 47
Difficoltà: T - Turistico
Tempo di percorrenza: 1 h
Itinerario n° 54
Tempo di percorrenza: 3 h
Itinerario n° 52
Difficoltà: E - Escursionistico
Tempo di percorrenza: 2 h 30 m
Itinerario n° 53
Difficoltà: E - Escursionistico
Itinerario n° 48
Difficoltà: E - Escursionistico
Dal Passo delle Capannelle a Campo Imperatore
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo