Home » Visitare il Parco » I tesori del Parco » Beni culturali

I tratturi

Le antiche vie dei pastori transumanti

Ricalcano quasi pedissequamente il preesistente reticolato viario romano e poi medioevale. Questi venivano percorsi per permettere alle greggi di spostarsi dai pascoli d'alta quota di Campo Imperatore verso il Tavoliere delle Puglie nei rigidi mesi invernali. 

L'inizio della transumanza avveniva tradizionalmente nel mese di settembre, dopo la celebrazione della festa della Madonna dei Pastori (8 settembre). I pastori castellani si mettevano in marcia e giungevano a piedi con le greggi presso la località di Forca di Penne (primo casello di controllo) dove aveva inizio il Regio Tratturo (o Tratturo Magno) che proseguiva fino a Foggia. I pastori trascorrevano nove mesi presso il Tavoliere per poi fare ritorno entro la prima metà di giugno. La transumanza ha condizionato e modellato la tradizione e la cultura castellana: il borgo si è alle sue origini "incastellato" anche per proteggere le fasce più deboli della popolazione (donne, bambini e anziani) che restavano al suo interno durante quasi tutto l'anno.
Infine un ulteriore effetto della transumanza si è riscontrato nella formazione del dialetto che fino agli anni '60 mostrava alcune differenze di pronuncia e di lessico tra la popolazione maschile e quella femminile.

Comune: Castel del Monte (AQ) | Regione: Abruzzo | Localizza sulla mappa
Pecore
Pecore
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo