Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » Sostegno ai presidi Slow Food

Il Canestrato di Castel del Monte

Migliaia di ovini, prevalentemente derivanti dalla antica percora "Merinos", dalla "Sopravvissana" e dalla "Gentile di Puglia" allevati nell'altopiano di Campo Imperatore, lungo oltre 19 chilometri e largo 4, danno il loro latte di qualità per la caseificazione di questo pregiato formaggio prodotto senza alcuna pastorizzazione o termizzazione in modo da lasciare intatta la flora lattica e garantire le caratteristiche aromatiche del prodotto finito.
L'area interessata alla produzione è quella meridionale dell'aquilano nei territori dei comuni di Barisciano, Balascio, Carapelle Calvisio, Castel del Monte, Castel del Monte, Castelvecchio Calvisio, L'Aquila (fraz. di Filetto, Paganica, Camarda, Assergi), Ofena, S. Pio delle Camere, S. Stefano di Sessanio e Villa Santa Lucia.
E' attivo un consorzio di produttori e allevatori per la tutela e la valorizzazione del formaggio.

Altre informazioni

Canestrato di Castel del Monte
Canestrato di Castel del Monte
(foto di Archivio Ente Parco)
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo