Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Benvenuti nella biodiversità
Ippovia (Archivio Ente Parco)
Home » Visitare il Parco » Itinerari » A piedi

L'area faunistica del camoscio e la cascata del Vitello d'Oro

Elevato interesse: fauna Elevato interesse: panorama 
  • Partenza Farindola
  • Tempo di percorrenza: Da 0.30 a 2.45 ore
  • Difficoltà: T/E
  • Segnavia: non segnato
  • Periodo consigliato: da gennaio a dicembre
  • Visualizza la mappa

Dal centro di Farindola si segue la strada che esce da Porta della Fonte, traversa la provinciale per Montebello di Bertona e continua verso la Valle d'Angri. Chi arriva da Penne e dalla costa può seguire le indicazioni per l'area faunistica del camoscio, passando per San Quirico ed evitando il paese. Dopo aver toccato varie case la strada traversa una pineta, supera le case di Macchie da cui inizia un altro sentiero per l'area faunistica e raggiunge un viottolo chiuso da una sbarra (località Pietra di Manfrino, 640 metri). Lo spazio per parcheggiare è sufficiente per due o tre auto.

A piedi si segue il viottolo che scende a mezza costa nella pineta e raggiunge una piattaforma di osservazione sull'area faunistica. Dove il tracciato termina accanto a un tunnel dell'ENEL si scende per una gradinata di cemento, si piega a destra e di raggiunge la cascata del Vitello d'Oro. Si torna indietro per pochi metri, si scende a una piattaforma, si traversano su due ponti un canale dell'ENEL e il Tavo e si raggiunge il recinto dell'area faunistica del camoscio (615 metri).
Si sale a sinistra per il sentiero segnato che dopo pochi metri lascia la recinzione per dirigersi verso Contrada Ronchetti e Farindola. Un sentierino non segnato permette di proseguire in salita accanto alla recinzione. Tra andata e ritorno si cammina per 0.30 ore.
Chi preferisce una camminata più lunga deve scendere da Farindola alla Contrada Ronchetti e a San Quirico e imboccare (386 metri) il sentiero segnato che sale nel bosco, lascia a sinistra le poche case di San Giuseppe e prosegue salendo a mezza costa tra coltivi in abbandono e fitti boschi sulla destra orografica del Tavo. Un tratto in una bella pineta porta alla base del recinto, da cui si può proseguire verso l'alto accanto alla rete e verso destra fino alla cascata del Vitello d'Oro.
Questo percorso richiede 1 ora all'andata e 0.45 ore al ritorno da Contrada Ronchetti. Il viottolo che scende da Farindola all'inizio del sentiero è agevole in discesa (0.15 ore) ma faticoso in salita (0.30 ore), ed è sconsigliato nelle giornate più calde.


Distretti del parco attraversati: Distretto Grandi Abbazie
Camoscio
Camoscio
Netpartner: Parks.it
© 2017 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga via Del Convento,1 - 67010 Assergi (AQ)
Tel. 0862/60521 Fax 0862/606675 - E-mail: ente@gransassolagapark.it - Posta certificata - P.Iva 01439320662
Privacy - Note legali - Elenco Siti tematici - Note per la Fatturazione Elettronica