Home » Visitare il Parco » Itinerari

Da Padula al rifugio della Fiumata

Itinerario n° 23

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Padula (932 m) (Padula)
  • Tempo di percorrenza: da 2.45 a 3 ore
  • Difficoltà: E - Escursionistico
  • Dislivello: da 750 a 800 metri
  • Segnavia: parzialmente segnato giallo-rosso
  • Periodo consigliato: da maggio a ottobre
  • Comuni interessati: Padula, Cortino
  • Visualizza la mappa

Dal centro di Padula (932 metri) si segue il viottolo, indicato da segnavia del Sentiero Italia, che sale alla strada asfaltata a monte del paese. La si segue verso destra fino al ponte che scavalca il Tordino. Subito prima di questo è l'inizio (980 metri, 0.15 ore) del sentiero segnato. Chi arriva in auto da Teramo può non entrare in paese, proseguire sulla strada asfaltata per Macchiatornella, oltrepassare il ponte sul Tordino e raggiungere direttamente l'inizio del sentiero risparmiando 0.15 ore di cammino.

Si segue il tracciato che si alza tra caratteristiche erosioni sull'arenaria e poi entra a mezza costa nella faggeta. Scavalcato un ruscello si raggiunge il Ponte Flammagno (1050 metri), entrando nel tratto più spettacolare della foresta. Si segue un crinale secondario, si continua a mezza costa attraverso brulli pendii rocciosi e sassosi, si rientra nel folto e si raggiunge un piccolo rifugio dell'ENEL (1399 metri, 1.30 ore). Un viottolo a sinistra scende alla captazione, dove si incontra per la prima volta il torrente.
Si riprende a salire in una magnifica faggeta che offre qualche tratto ripido e faticoso, quasi sempre in vista delle acque del Tordino. Si ammira dall'alto una cascata formata da quattro o cinque salti successivi, poi si può deviare a sinistra nel bosco per un sentierino non segnato fino alla più bella cascata della zona, alta una quindicina di metri. Con qualche svolta si raggiunge un ripiano erboso, si incrocia un acquedotto e lo si segue verso sinistra, salendo per un tratturo che porta al limite del bosco, in vista di un rifugio.
Una breve deviazione a sinistra porta ad affacciarsi su un'altra cascata del Tordino, accanto alla quale sono un torrione roccioso e un canyon scavato nell'arenaria. Pochi minuti sul tratturo portano al rifugio della Fiumata (1720 metri, 1 ora), affacciato sul vallone dominato dalla impressionante bastionata rocciosa che difende da questo lato la vetta del Monte Gorzano, e chiuso verso nord (destra per chi guarda) dai dolci pendii erbosi del Monte Pelone. La discesa per questo itinerario richiede 1.45 ore fino alla strada e 2 ore fino a Padula.

Pizzo di Moscio
Pizzo di Moscio
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Approfondimenti
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife M.I.R.CO-LupoBreedValor