Home » Territorio e Natura » Il paesaggio » L'acqua

I Laghi del Parco

Campotosto, Provvidenza, Capodacqua

Il Lago di Campotosto

E' il fiordo del Parco: questa l'impressione che si ha quando si ammira l'azzurro scuro delle acque, spesso agitate dal vento, oltre le quali si innalza la mole del Gran Sasso e quella dei Monti della Laga.
E' il bacino artificiale più grande d'Europa. Creato nel 1939 per la produzione di energia elettrica, ha occupato l'area di una vasta torbiera. Tutelato da una Riserva di Ripopolamento Animale ed inserito nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, è stato riconosciuto come Sito di Interesse Comunitario (S.I.C.). L'immenso bacino lacustre costituisce un luogo di grande interesse per l'avifauna: nel periodo invernale e durante il passo primaverile ed autunnale, le acque del lago si popolano di migliaia di uccelli acquatici che trovano rifugio e cibo nelle anse e negli acquitrini che si formano sulle sponde dello specchio d'acqua. La specie più numerosa è la folaga che, con centinaia di individui, frequenta il lago d'inverno. Quando quest'ultimo ghiaccia, gli uccelli si concentrano nei tratti ancora liberi dalla morsa del gelo: uno spettacolo inusuale e per certi versi commovente. Numerose sono anche le anatre che sostano nell'area, tra queste il moriglione, il fischione, l'alzavola, la rara moretta tabaccata, il germano reale; d'inverno fa la sua comparsa nel lago anche il marangone minore, un piccolo cormorano alquanto raro in Italia.
Gli acquitrini, invece, costituiscono l'ambiente di elezione di numerose specie di limicoli quali piro-piro, pettegola, beccaccini, inoltre pittime, aironi e garzette. Durante le migrazioni, il bird-watcher attento può avere la fortuna di imbattersi anche in vere e proprie rarità ornitologiche come la volpoca, l'airone bianco maggiore o il falco pescatore intento, con acrobatici voli e fulminei tuffi, a pescare i grossi pesci del lago. In primavera ed estate lo spettacolo viene offerto dagli svassi maggiori che nidificano nel lago. Durante il periodo degli amori questi buffi uccelli si esibiscono in vere e proprie danze di corteggiamento con scambio di dono. Qualche settimana dopo, è possibile osservare i giovani, appena nati trasportati sul dorso dai genitori sulle acque fredde e limpide del grande lago.

Lago di Capodacqua

L'invaso si trova nelle vicinanze di Capestrano, nell'Alta Valle del Tirino e nasce nella seconda metà degli anni '60 come riserva idrica per l'irrigazione dei terreni circostanti. E' un lago di proprietà privata che, grazie alla sua natura sorgiva, ospita una flora lacustre significativa. Da alcuni anni costituisce un importante punto di attrazione per gli amanti dell'immersione. Le caratteristiche del lago, infatti, alimentato esclusivamente da acque sorgive che sgorgano dal Gran Sasso dopo un percorso carsico di 27 chilometri, offrono un ambiente sommerso affascinante che conserva antiche strutture, tra le quali due mulini, e condizioni ottimali per la pratica di questo sport acquatico.

Lago di Provvidenza

E' un bacino artificiale che si trova alla confluenza del torrente Chiarino con il fiume Vomano. Il torrente, le cui sponde sono ricoperte da un fitto e antico bosco di faggi, nasce alle pendici del Monte Corvo, sfociando nel lago e defluendo poi nel fiume Vomano.
Il lago di Provvidenza si trova lungo la Strada Maestra del Parco, ovvero la Strada Statale 80 e rappresenta il punto di partenza per indimenticabili escursioni nella "Valle dell'Eden" del Parco.
Lago di Campotosto, ginestre
Lago di Campotosto, ginestre
(foto di M. Anselmi)
Lago di Campotosto
Lago di Campotosto
(foto di M. Anselmi)
Fiume Tirino
Fiume Tirino
(foto di M. Anselmi)
Campotosto Tramonto
Campotosto Tramonto
(foto di M. Anselmi)
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo