Home » Visitare il Parco » I tesori del Parco » Beni culturali

Cappella dell'Icona Passatora

Il centro medievale di Amatrice, oltre alla splendida torre quadrata del XIII secolo, alla chiesa romanica di San Francesco e alla chiesa trecentesca di Sant'Agostino, è famosa per aver dato i natali a Cola dell'Amatrice, uno dei più grandi artisti dell'Italia centrale (1480 - 1547). Pittore a architetto del Rinascimento si formò a Roma, alla scuola del Bramante e di Raffaello. Sue, tra le altre, la Sacra famiglia conservata ad Amatrice, la Pala di Campli e di Falignano e la facciata del Duomo di Ascoli.

Nel Rinascimento fu pure affrescata la cappella rurale e santuario dell'Icona Passatora, che si trova in località Retrosi e che si affaccia sui Monti della Laga. Essa prende il nome dall'immagine votiva della Madonna delle Grazie, opera come, gli altri pregevoli affreschi presenti, del cosiddetto Maestro della Madonna della Misericordia e di Dionisio Cappelli, pittore di Amatrice. Il santuario sorse alla fine Quattrocento 400, nel luogo in cui, già nel XIII secolo era una edicola con l'immagine votiva della Madonna (Icona) ad un crocevia sulla strada che porta ai Monti della Laga (Passatora). Fino agli anni '60, dietro la chiesa si poteva ammirare il "Cerro della Cona", una magnifica quercia alta oltre trenta metri che contava almeno cinquecento anni. La presenza dell'albero, associato come in molti altri casi alla Madonna, farebbe pensare che l'Icona Passatora nasca dall'innesto del culto cristiano su un preesistente culto pagano. La tradizione popolare, invece, la lega ad un miracoloso salvataggio, da parte della Madonna, di una fanciulla minacciata da un lupo.

Località: Amatrice Comune: Amatrice (RI) | Regione: Lazio | Localizza sulla mappa
Icona Passatora
Icona Passatora
(foto di G. Alfonsi)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo