Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Benvenuti nella biodiversità
Ippovia (Archivio Ente Parco)
Home » Visitare il Parco » Borghi e Paesi

Capestrano

La patria del guerriero simbolo d'Abruzzo

Distretto: Distretto della Valle del Tirino
Provincia: L'Aquila Regione: Abruzzo | Localizza sulla mappa
Sito ufficiale: www.comunedicapestrano.it

Descrizione e Cenni storici
Capestrano, è situato su un colle che domina la valle del fiume Tirino. L'abitato del paese è sovrastato dalla mole del Castello Piccolomini, con i suoi due torrioni cilindrici e la torre quadrata.
Il paese fu edificato presumibilmente dagli abitanti di Aufinum, che si ritirarono in questi luoghi per evitare le razzie barbariche. Nel III sec., Capestrano fu feudo di Tolomeo di Raiano, per poi passare, nei secoli seguenti, a Pietro Conte di Celano, od Antonio Piccolomini ed infine entrare a far parte nel XVI sec. del Regno di Napoli, divenendo possedimento mediceo. L'edilizia intorno al castello è certamente la più antica, ma il paese presenta ancora un tipo di architettura gentilizia risalente ai secoli XVI e XVII, a dimostrazione della ricchezza della valle determinata dal suo fiume.
Il paese ha dato i natali al francescano San Giovanni da Capestrano.
Nel 1934 fu rinvenuta l'enigmatica statua del principe italico Nevio Pompuledio, più noto come il "Guerriero di Capestrano", assurto a simbolo dell'intero Abruzzo.

  • Abitanti: 952
  • Altitudine: 500 metri slm


Emergenze Storico-culturali

  • Castello Piccolomini (o mediceo) Il castello, ampliato da Antonio Piccolomini intorno alla metà del 1400, da su una antica struttura preesistente del XIV secolo di cui è rimasta solo la torre. La struttura presenta una pianta triangolare e facciata racchiusa tra due torri cilindriche. All'interno si trova un caratteristico pozzo aquilano del 1400. Costruito come posto di avvistamento e segnalazione, nel 1465 divenne residenza feudale e fu edificata la bellissima facciata con i bastioni circolari e la cornice semicircolare. Oggi sede del Municipio.
  • Abazia di San Pietro ad Oratorium - XI secolo
  • Convento di San Giovanni da Capestrano (XII secolo) - costruito per volontà del santo che morì a Belgrado nel 1456 durante una crociata. Annessa è la chiesa preceduta da un portico con affreschi del 1488. Nel convento c'è un piccolo museo.
  • Santa Maria della Pace - XVII secolo, con ampia facciata e bellissimo campanile
  • Area archeologica

Manifestazioni e Feste

Agosto - la seconda settimana del mese - Sagra della Trota.
23 ottobre - Festa patronale dedicata a San Giovanni da Capestrano.
31 ottobre - 1 novembre: "Sagra della Bettola" - rievocazione storica del locale all'aperto destinato in passato ad accogliere i mercanti che si recavano a Capestrano per la fiera del giorno successivo. Nella rievocazione notturna del 31/10 si possono assaggiare molti prodotti tipici o di vecchia tradizione come cotiche e fagioli e carne alla brace.

Gastronomia

La gastronomia trova la sua essenza nel fiume: con la trota, che viene di solito proposta alla brace ed i gamberi, sovente associati ai primi piatti di paste all'uovo fatte a mano ed aromatizzate con erbe e zafferano.

Capestrano
Capestrano, Palazzo Piccolomini
 
Capestrano
Mandorleti
 
Capestrano
Castello di Capestrano
 


 
 
Soggiorni
Dove dormire a:
Capestrano
Netpartner: Parks.it
© 2017 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga via Del Convento,1 - 67010 Assergi (AQ)
Tel. 0862/60521 Fax 0862/606675 - E-mail: ente@gransassolagapark.it - Posta certificata - P.Iva 01439320662
Privacy - Note legali - Elenco Siti tematici - Note per la Fatturazione Elettronica