Home » Visitare il Parco » Itinerari

Da Forca di Penne al Monte Picca

Itinerario n° 79

A piedi         Elevato interesse: panorama Elevato interesse: storia 
  • Partenza: Forca di Penne (908 m)
  • Tempo di percorrenza: Da 1.30 a 1.45 ore
  • Difficoltà: E - Escursionistico
  • Dislivello: 500 m
  • Periodo consigliato: da aprile a novembre
  • Visualizza la mappa

Il valico di Forca di Penne (908 metri), sormontato da un torrione medievale in rovina, si raggiunge da Brittoli o Corvara sul versante pescarese del Gran Sasso, e da Villa Santa Lucia od Ofena su quello aquilano. Prima o dopo l'escursione si può salire alla base della torre che offre uno splendido panorama.

L'itinerario inizia lungo la strada per Corvara. Dove questa piega a sinistra la si lascia per proseguire verso destra per una sterrata che si affaccia su un laghetto artificiale lo aggira, e continua fino a raggiungere un crinale boscoso. Subito dopo questo, prima di sbucare su una strada asfaltata, si imbocca (955 metri, 0.15 ore) un ripido viottolo che sale nel bosco.
E' possibile arrivare fin qui in auto proseguendo per qualche centinaio di metri in direzione di Corvara, deviando per la prima strada sulla destra, superando una casa e posteggiando a un tornante verso sinistra. Pochi metri su una stradina verso destra portano all'inizio del sentiero.
Si continua sul sentiero, spesso fangoso nel primo tratto, che supera un gradino boscoso, oltrepassa una recinzione e prosegue per un prato inclinato che offre un bel colpo d'occhio sul versante pescarese del Gran Sasso. Più avanti il viottolo rientra nella faggeta, sale a una sella boscosa da cui si vede il Corno Grande e poi inizia a salire accanto al largo crinale che sale verso il Monte Picca. Si continua tra i faggi, e dove il percorso diventa pianeggiante ci si affaccia a destra su un pianoro erboso oltre il quale si alza il panoramico cocuzzolo della Ripuccia. La deviazione verso questa cima (1300 metri, 0.30 ore a/r) offre un bel panorama sulla conca di Ofena e il Gran Sasso.
Il viottolo principale prosegue nel bosco, scavalca un cocuzzolo e scende a una sella boscosa (1264 metri). Poi entra in un vallone pianeggiante, ne esce sulla destra (ometto), poi piega a sinistra e supera un ripido e faticoso pendio. Dove il terreno diventa pianeggiante si raggiunge in breve la vetta (1405 metri, 0.30 ore), affiancata da modestia affioramenti rocciosi e coronata da una croce metallica. Il bosco che fascia il punto più alto della montagna non impedisce allo sguardo di spaziare verso il Corno Grande, il Sirente, la conca di Sulmona e il Morrone. La discesa richiede 0.45 ore fino al tornante e 0.15 ore da questo a Forca di Penne.

Distretti del parco attraversati: Distretto Valle del Tirino
Torre Forca di Penne
Torre Forca di Penne
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Approfondimenti
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo