Home » Visitare il Parco » Itinerari

Da Fonte Vetica al Monte Tremoggia

Itinerario n° 68

A piedi         Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Pineta di Fonte Vetica (1632 m)
  • Tempo di percorrenza: 2.45 ore
  • Difficoltà: E - Escursionistico
  • Dislivello: 980 m
  • Segnavia: segnato (bianco-rosso)
  • Periodo consigliato: da giugno a ottobre
  • Visualizza la mappa

La pineta di Fonte Vetica (1632 metri), all'estremità orientale di Campo Imperatore, si raggiunge da Fonte Cerreto, Santo Stefano di Sessanio, Castel del Monte o Rigopiano per le strade asfaltate che salgono all'altopiano. Dal vasto posteggio che si affianca al vecchio rifugio e alla fonte (il ristorante è poco più in alto) si imbocca il sentiero che traversa la pineta.

A un bivio si va a destra, uscendo dal bosco e iniziando a salire accanto a un valloncello di erba e rocce. Raggiunto un bel prato, si obliqua a destra fino ai prati pianeggianti della Sella di Fonte Fredda (1994 metri, 1 ora), che separa il Monte Tremoggia dal Monte Siella. La zona è ricca di stelle alpine.
Qui si piega a sinistra e si sale, su un sentiero segnato, per la ripida ma facile dorsale erbosa che porta all'anticima e poi alla vetta del Monte Tremoggia (2350 metri, 0.45 ore). Una breve discesa porta alla Sella del Tremoggia (2331 metri), dalla quale si riprende a salire tenendosi sulla sinistra. In basso a destra, spicca il Dente del Lupo. Ai suoi piedi, il selvaggio imbuto del Gravone scende verso Rigopiano.
Una breve traversata a sinistra porta al sentiero del Vallone di Vradda, che si seguirà in discesa. Subito dopo, abbandonando il sentiero, si sale a destra per affacciarsi (2470 metri) sulla parete Nord. La vista è impressionante, e il luogo richiede attenzione. Il sentiero prosegue a mezza costa per ghiaie, raggiunge un larga sella detritica e sale in breve, verso sinistra, fino alla vetta del Monte Camicia (2564 metri, 1 ora). Verso ovest, dal punto più elevato, il panorama si allarga verso Campo Imperatore, il Monte Prena e l'inconfondibile piramide del Corno Grande.
In discesa si segue il percorso di salita fino al bivio che precede la Sella del Tremoggia. Da qui si continua sulla destra, scendendo a mezza costa tra desolati pendii di ghiaie e roccette, seguendo i vecchi segnavia n. 8a. In basso, sulla destra, è lo stretto Vallone di Vradda, mentre ancora più a destra è il caratteristico Masso del Camicia. Il sentiero scende lungamente accanto al fosso, gira un crinale, poi scende direttamente alla pineta e al punto di partenza (1.30 ore).

Distretti del parco attraversati: Distretto Terre della Baronia
Grifone
Grifone
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Approfondimenti
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo