Home » Visitare il Parco » Itinerari

Nella Valle del Chiarino

Itinerario n° 33

A piedi         Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Passo delle Capannelle
  • Tempo di percorrenza: 1 ora 30 minuti
  • Difficoltà: T/E
  • Dislivello: 430 m
  • Segnavia: segnato giallo-rosso
  • Periodo consigliato: da maggio a ottobre
  • Visualizza la mappa

Dal Passo delle Capannelle o da Ortolano si segue la statale 80 fino alla Diga della Provvidenza (1060 metri). Si traversa in auto la diga (i segnavia iniziano dalla statale), e si continua lungo la strada sterrata che si addentra nella Valle del Chiarino, supera il Fosso del Torraccio e sale circondata dal bosco fino ai caratteristici ruderi del Molino Cappelli (1262 metri, 4 km dalla statale), restaurato dal Parco, che conserva i resti di una torre con delle feritoie. Qui la strada è chiusa da una sbarra. Accanto al Molino sono una bella area da pic nic e una chiesetta moderna.

Si continua a piedi sulla piacevole strada sterrata, indicata da segnavia giallo-rossi, che tocca la captazione dell'acquedotto del Chiarino, supera la sbarra che chiudeva in passato la strada alle auto e continua in una splendida faggeta. Dove il bosco si dirada si sale accanto a un'area da pic nic, si tocca un'immagine sacra e si continua a mezza costa sul Piano del Castrato, dominato dai pendii ghiaiosi e dagli speroni rocciosi del versante sud-occidentale del Monte Corvo, fino al rifugio Fioretti (1503 metri, 0.45 ore), a poca distanza dai ruderi della Masseria Vaccareccia e da un grande fontanile.
Il rifugio e il pianoro erboso subito oltre questo possono costituire un'ottima conclusione per la passeggiata. Chi vuole proseguire deve traversare il pianoro e continuare sulla carrareccia che si alza con un tornante e si perde all'inizio di un vallone. Per evidenti tracce si sale al magnifico terrazzo erboso dello stazzo di Solagne (1697 metri, 0.45 ore), dove si conservano i resti di muri a secco e di vecchi capanni di pietra. Poco più a destra, accanto a un fontanile, si forma al disgelo un laghetto.
Proprio di fronte si apre la conca sommitale della Valle del Chiarino, sulla destra appare il ripido versante settentrionale del Pizzo di Camarda, a sinistra continua a dominare la zona il Monte Corvo. Il ritorno richiede 1.15 ore fino al punto di partenza.

Cervo
Cervo
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Approfondimenti
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo