Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » I Prodotti

Ceci

La Storia
Il cece Cicer arietinum L. è un legume tra i più antichi e largamente utilizzati nell'alimentazione. Le aree in cui risulta particolarmente radicata la coltivazione del cece sono i territori circostanti Camarda e Castelvecchio Calvisio nell'area aquilana. Qui persistono ancora le varietà di colore nero e rosso caratterizzate da dimensioni ridotte molto irregolari tanto da essere individuati come ceci pizzuti, con colore della buccia scuro. Queste varietà si sono perse nelle restanti parti dell'area protetta e sono state sostituite da cultivar di dimensioni maggiori e colorazione chiara. Alle pendici del Gran Sasso nelle zone di Capitignano e Camarda è sopravvissuta la coltivazione di un particolare cece di forma regolare e dimensioni ridotte.
Quartapelle (1801) riferisce che erano in uso nel teramano tre varietà di ceci: bianchi, rossi e negri questi ultimi ritenuti migliori per sapore anche se negli ultimi decenni i ceci di colore scuro venivano destinati all'alimentazione del bestiame mentre quelli chiari all'alimentazione umana.
Una caratteristica interessante dei ceci è rappresentata dal fatto che i semi a differenza degli altri legumi non vengono parassitati dagli insetti e quindi hanno una elevata conservazione.

Area di attuale produzione nel Parco
I ceci sono coltivati in tutto il territorio del parco.

Descrizione
Il cece è un prodotto agricolo tradizionale della Regione Abruzzo.

Stagionalità del prodotto
La coltura si semina ad aprile con raccolta ad agosto; si trova in commercio durante tutto l'anno, negli ultimi anni si sta diffondendo la coltivazione delle diverse cultivar di ceci.


Ceci
Ceci
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo