Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » I Prodotti

Fagiolo

La Storia
La presenza della coltivazione in zona del fagiolo a olio è documentata già dall'inizio del XX secolo nella provincia dell'Aquila. Caratteristica di coltivazione di un tempo era la consociazione con il mais che fungeva da tutore del fagiolo.

Area di attuale produzione nel Parco: Si coltivano in tutta l'area del Parco.

Descrizione
Classica coltura irrigua impalcata con canne o frasche, che segue i cereali e precede le ortive. La raccolta avviene ancora oggi a mano.
Produzione agricola tradizionale, è il fagiolo a olio e a pane della piana di Paganica; entrambi rampicanti, hanno baccelli contenenti da 4 a 8 semi, lungi circa 13 millimetri e larghi 7, di colore giallo-avana-nocciola per il fagiolo a olio e bianco latteo per quello a pane.
Altre varietà recuperate sono: fagiolo gialletto, fagiolo poverello, fagiolo nero, fagiolo a scafa, fagiolo tondino, fagioli a uovo di quaglia.

Stagionalità del prodotto:
Si semina in tarda primavera con raccolta a fine estate inizio autunno; si trovano in commercio allo stato secco durante tutto l'anno.


Fagiolo di Paganica
Fagiolo di Paganica
(foto di M. Anselmi)
 
Fagiolo a olio
Fagiolo a olio
(foto di PN Gran Sasso)
 
Fagiolo gialletto
Fagiolo gialletto
(foto di PN Gran Sasso)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo