Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » I Prodotti

Pastinaca

La Storia
La pastinaca o carota bianca, costituisce un vero e proprio reperto di archeologia orticola. Questa specie, dall'epoca romana fino al XIX secolo, costituiva uno degli ortaggi maggiormente diffuso negli orti e sulle tavole. Nel territorio del Parco, la sua coltura si è ridotta drasticamente. Ancora oggi, per tradizione, è usanza consumarla soprattutto per il cenone della vigilia di Natale, composto da sette pietanze a base di vegetali.

Area di attuale produzione nel Parco: La varietà è stata rinvenuta negli orti di Ofena e a Capitignano nell'Alto Aterno, in provincia dell'Aquila.

Descrizione
Dell'ortaggio, si consuma la radice cotta, molto simile alla carota, ma di colore avorio e con maggiore tendenza a formare ramificazioni.

Stagionalità del prodotto: La raccolta si effettua da novembre in poi in maniera scalare, in commercio, tuttavia, i quantitativi sono limitatissimi.


Pastinaca
Pastinaca
(foto di PN Gran Sasso)
 
Pastinaca
Pastinaca
(foto di PN Gran Sasso)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo