Home » Agricoltura e Zootecnia » Il paniere dei Prodotti del Parco » I Prodotti

Cece di Capitignano

La Storia
Il Comune di Capitignano in provincia dell'Aquila è storicamente legato a questo legume. Un recente studio sul DNA di questo legume ha permesso di catalogare questa particolare varietà fra quelle considerate geneticamente "rare".

Area di attuale produzione nel Parco: Il territorio di reperimento di questa antica varietà colturale è rappresentato da Capitignano e Camarda (AQ).

Descrizione
Il cece è un prodotto agricolo tradizionale della Regione Abruzzo; questa varietà coltivata prevalentemente su terreni montani e pedemontani; resiste bene a periodi di siccità. La semina si effettua ad aprile con raccolta ad agosto-settembre. Il seme è microsperma, con un diametro di circa 5-7 millimetri, di forma tondeggiante e tegumento liscio color ruggine.

Stagionalità del prodotto: La coltura si semina in primavera con raccolta ad agosto; si trova in commercio durante tutto l'anno; le quantità tuttavia sono relativamente limitate.


Cece di Capitignano
Cece di Capitignano
(foto di PN Gran Sasso)
 
Cece di Capitignano
Cece di Capitignano
(foto di Archivio Ente Parco)
 
Condividi su
FederparchiFagus Life ProjectLife PraterieLife PlutoAqualifeLife CoornataLife CrainatLife M.I.R.CO-Lupo